mercoledì 25 luglio 2018

Intitolazione Targa a ricordo di Guido Chiarelli al Giardino Roccioso del Valentino

TORINO: Approvata dalla Giunta Comunale la intitolazione di una targa commemorativa per GUIDO CHIARELLI al Giardino Roccioso del Valentino per gli impianti di illuminazione realizzati in occasione delle celebrazioni di ITALIA 61 http://www.lastampa.it/2018/07/25/cronaca/il-ponte-sulla-dora-a-torino-sar-intitolato-ai-migranti-morti-in-mare-BLNJkUJ8Pt39s5YViTVDuJ/pagina.html ... nel Giardino roccioso, sarà posata una targa in memoria di Guido Chiarelli, per 40 anni (tra i Venti e i Sessanta) funzionario comunale, che inventò le illuminazioni artistiche nei parchi torinesi, compresi Italia 61 e il Valentino...

domenica 27 maggio 2018

PRIVACY POLICY

Privacy Policy Notifica sui cookie nei paesi dell'Unione europea Le leggi dell'Unione europea (UE) impongono che gli utenti di Internet residenti nell'UE vengano avvisati dell'utilizzo dei cookie su siti e blog. In molti casi, queste leggi richiedono anche che il visitatore esprima il proprio consenso. Al fine di soddisfare tali requisiti, abbiamo aggiunto una notifica sul tuo blog che informa i visitatori dell'uso, da parte di Google, di determinati cookie di Blogger e Google, compresi i cookie di Google Analytics e AdSense. Leggi ulteriori informazioni sulle norme di tutela della privacy di Google e sul modo in cui Google utilizza i dati sui siti dei partner.

lunedì 19 novembre 2012

Guido Chiarelli: biografia

(Guido Chiarelli riceve l'onorificenza a Cavaliere Ufficiale, 1965)



Guido Chiarelli nasce il 24 settembre 1902 a Caltanissetta.
Primo di quattro figli, passa l'infanzia in Sicilia nella casa di famiglia.
Il padre Angelo aveva immaginato per il figlio un futuro di ingegnere minerario: Guido si iscrive dunque all'Università di Palermo. Completa i suoi studi al Politecnico di Torino, seguendo però il corso di laurea in ingegneria elettrotecnica; nel 1928 viene assunto al Municipio di Torino.
Durante la sua lunga carriera si occupa di impianti elettrici interni, termici, gasdotti, orologi, semafori, ma il suo nome resta soprattutto legato all'illuminazione pubblica della città di Torino, dove ha condotto una vera e propria innovazione degli impianti: dal 1956 al 1968 ricopre infatti l'incarico di Ingegnere Capo Divisione alle Div. VII e poi V LL.PP. del Municipio di Torino.
Un ruolo molto significativo è quello svolto durante le celebrazioni di "Italia' 61" per il centenario dell'Unità d'Italia, quando numerosi nuovi impianti sono progettati e installati per l'occasione e Torino si traforma - come Parigi - in una vera "ville lumière".
Con Guido Chiarelli per la prima volta l'illuminazione pubblica trova un risvolto artistico: particolarmente suggestiva, ad esempio, è l'illuminazione notturna del Parco del Valentino, realizzata per la grande mostra "Flor '61".
Nel 1958 riceve l'onorificenza di Cavaliere e nel 1965 quella di Cavaliere Ufficiale "al merito della Repubblica Italiana".
Guido Chiarelli scompare a Torino il 7 ottobre 1982.

Bibliografia:

A.G. Actis-M. Bodo- M. Broglino: Torino di luce, Arti Grafiche Alzani, Pinerolo (TO), 2006